Category Archives: Lavoro

Mati – Aiuti alla nuova imprenditoria

Uno degli aiuti che lo stato offre ai nuovi immigrati – quello che secondo me è il più utile in assoluto – è il supporto alla nuova imprenditoria.
Il miglior modo per aiutare gli Olim ad inserirsi ed a non pesare sul sistema del welfare nazionale è quello di agevolare la creazione di nuove attività imprenditoriali. Un nuovo cittadino che crea lavoro porta nuove idee e nuove opportunità di crescita dell’economia.

Gli aiuti offerti sono sia consulenze e corsi gratuiti, sia aiuti economici veri e propri che possono arrivare (ad oggi) a 125mila sheqel (circa 30mila euro) offerti come prestito che può convertirti in contributo a fondo perduto.

Gli aiuti sono coordinati dall’agenzia MATI. In un primo momento un consulente incontra l’oleh e discutono l’idea di business, lo aiuta a creare il business plan, lo fa partecipare a corsi che ritiene utili per lo sviluppo dell’idea e lo segue, eventualmente facendolo incontrare con altri consulenti.

Tutte le consulenze ed i corsi offerti da Mati sono gratuiti.

Sull’area centrale di Israele (Da Netanya a Holon più o meno) uno dei consulenti è Yair Amit, parla perfettamente inglese, ed è disponibile ad incontrare nuovi olim. E’ a sua volta un imprenditore.

Yair Amit - Consulente di Mati per la nuova imprenditoria
Consulente di Mati per la nuova imprenditoria

Vendita e Supporto in italiano a Herzliyah Pituach

Ricevo dall’ agenzia di placement per Olim Leap-now.com l’ offerta di lavoro per una persona che faccia vendita e supporto in italiano per una società di Herzliyah Pituach. L’impiego prevede il lavoro su turni (comprese notti e fine settimana). Si tratta di una posizione Junior, quindi lo stipendio non è elevatissimo (nel campo dei 7000sh/mese + commissioni). L’italiano madrelingua è fondamentale, l’inglese o l’ebraico almeno basilare necessari per il lavoro con i colleghi.

Chi pensasse di candidarsi inoltri il proprio CV a  jobs@leap-now.com e indichi come soggetto della mail: Italian Sales/Support job e magari indichi che ha letto della posizione su aliyah.it

Offerte di lavoro: Sales a Gerusalemme

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente annuncio. Ricordiamo che qualsiasi richiesta di chiarimento va rivolta direttamente ai contatti indicati e che dopo qualche settimana probabilmente la posizione verrà chiusa. Può, comunqnue, valere la pena contattare ugualmente l’azienda perché queste posizioni vengono riaperte di tanto in tanto.

Anavim company are seeking a motivated, native Italian speaker, for  sales role in Jerusalem

Continue reading Offerte di lavoro: Sales a Gerusalemme

Vivere (e lavorare) in Israele senza essere ebrei

Quante possibilita’ avete di farcela? SCARSE!

Scrivo questo post dopo aver ricevuto ripetutamente richieste di informazioni da parte di non ebrei. Se da una parte tutto quest’interesse e desiderio di vivere in Israele da parte di non ebrei mi fa piacere, dall’ altra mi fa tristezza dover demolire le speranze di molti.
Colgo, quindi, l’ occasione per fare un po’ di chiarezza.

Per poter lavorare in Israele occorre avere o la cittadinanza od un permesso di soggiorno per lavoro.
Per poter ottenere la cittadinanza occorre essere ebrei o risiedere in Israele per piu’ di 10 anni, indipendentemente dalla fede religiosa.

Si puo’ entrare in Israele come:

  • Turisti (visto di 3 mesi rinnovabile per altri 3 con un massimo di 18 mesi nell’arco di 3 anni) senza possibilita’ di ottenere un permesso di soggiorno;
  • Studenti (visto rinnovabile per la durata del corso di studi) con la possibilita’ di ottenere un permesso di lavoro durante il corso di studi facendone richiesta al Ministero degli Interni;
  • Coniuge/compagno di un cittadino israeliano, indipendentemente dalla propria fede religiosa.
  • Aspiranti convertiti che ottengono un permesso di soggiorno per studio a scopo di conversione. Durante il periodo di studio e’ possibile lavorare chiedendo apposito permesso di lavoro. Al termine della conversione si ottiene la cittadinanza e non occorre piu’ un permesso particolare;
  • Lavoratori stranieri, dopo aver ottenuto il relativo visto nel paese di origine e previa presentazione di lettera di richiesta di assunzione da parte di una ditta israeliana;

Passiamo oltre le prime tre possibilita’ e parliamo del caso del Lavoratore straniero.

Per poter ottenere il visto di lavoro occorre, all’ atto della domanda, presentare anche una lettera di assunzione da parte di un datore di lavoro israeliano. Ovviamente, questo e’ l’ostacolo primario.
E’ sicuramente necessario avere una specializzazione particolare per poter essere interssanti per potenziali datori di lavoro. Occorre trovare un datore di lavoro che sia talmente interessato a voi da esser disposto ad aspettarvi 2-3 mesi (il tempo che ci si puo’ aspettare esser necessario per l’ emissione del visto).

Non illudetevi di poter andare a lavorare nei Kibbutzim. Al giorno d’oggi quelli che accettano volontari sono pochissimmi e quelli che hanno impianti industriali di qualche tipo assumono solo personale con alta specializzazione.

Operai e manovali abbondano ed il ministero degli interni non concede facilmente permessi di lavoro per impieghi a bassa specializzazione.

Se siete davvero interessati a venire a vivere in Israele il miglior consiglio e’ di contattare i potenziali datori di lavoro mentre ancora si e’ in Italia, inviare il proprio CV (in inglese) e fissare un appuntamento conoscitivo. Cercate di fissarli piu’ o meno nello stesso periodo in modo da poter venire come turista e fare i colloqui nell’arco di un paio di settimane.

Mettete bene in chiaro che non avete un permesso di lavoro, che non siete ebrei e quindi non potete fare l’ aliyah e che quindi
a) ci potrebbe volere del tempo prima che possiate davvero iniziare a lavorare;
b) avete bisogno di una lettera di proposta di assunzione;

Se riuscite a convincere qualcuno ad assumervi, siete sulla strada giusta.

Tornate in Italia e contattate l’Ambasciata d’Israele in Italia a Roma ed iniziate la pratica.

Offerte di lavoro: Italian Media Buyer

IDI Ventures is looking for Online Media Expert, Italian speaker for 6 months of employment with an option for a permanent job. Which will be focused on increasing our campaigns process, must be with desire to deliver rock-solid high-quality media campaigns results with deliverable on aggressive schedules.
Continue reading Offerte di lavoro: Italian Media Buyer

UIM Israele selezionata la promozione di occasioni di lavoro e specializzazione in Israele

Il patronato Ital di Gerusalemme e la Uim Israele sono stati selezionati, con poche altre istituizioni europee analoghe, per un progetto di aiuto a giovani europei che vogliano avere esperienze lavorative in Israele o che desiderino approfondire la loro specializzazione.

Continue reading UIM Israele selezionata la promozione di occasioni di lavoro e specializzazione in Israele

GoEco: Volontariato Ecologico in Israele

Ieri ho scritto di Sar-EL, oggi invece vi propongo GoEco, un gruppo che propone attività di volontariato in Israele con obiettivi di difesa della natura. La varietà di proposte è molto ampia ed i costi sono, tutto sommato, contenuti.

Si passa dalla divesa di ambienti in pericolo nel deserto della Arava Valley, allo sviluppo del turismo ecologico a Nazareth, la realizzazione di un villaggio eco-sostenibile sempre nell’Arava, la protezione della bariera corallina al largo di Eilat e quant’altro.

I costi si aggirano tra i 400 ed i 500 dollari e la durata dei campi è di 4-12 settimane.

Conferenza: Pensione Italiana in Israele

Il patronato Ital Uim Israele, in collaborazione con La Hevrat Yehudè Italia, ha il piacere di invitarvi

mercoledi 29 giugno – ore 18,00
Sala degli affreschi – Rechov Hillel, 27 – Gerusalemme

a una riunione su un argomento di grande rilevanza:

“Come ricevere in Israele la pensione al lordo delle tasse italiane ? e soprattutto ….. dove la pressione tributaria è inferiore, in Italia o in Israele?

interverranno
Lello Dell’Ariccia – responsabile Ital Uim in Israele
Daniel Ventura – ex funzionario del “Mas Achnasà” di Kfar Saba

La conferenza si terrà in italiano

Continue reading Conferenza: Pensione Italiana in Israele