Category Archives: Studiare

Esame Psicometrico in Italiano 2015

Anche quest’anno sarà possibile sostenere il test psicometrico in Italiano (sia in italia che in Israele).

ISCRIZIONI: ENTRO IL 13 OTTOBRE – DATA ESAME: 17 febbraio 2015

Iscriviti subito online su: www.israeluni.it/iscrizione

Qualora entro il 13 ott obre 2014 non si raggiungesse il numero minimo di adesioni il test in italiano verrà posti cipato alla sessione del 1 Aprile.
Sostenendo il test nella sessione di febbraio 2015, gli studenti che lo riterranno opportuno, potranno ripetere il test (in ebraico o in inglese) nella sessione estiva di Luglio.

Irgun Olei Italia sull’Aliyah italiana

Ripubblico qui un artivolo scritto da Vito Anav, Presidente dell’Irgun Olei Italia, sul bollettino degli italiani in Israele “Kol HaItalkim” sul numero di febbraio 2011.

Gerusalemme 20-12-2011

Acqua cheta scava a fondo … Una goccia nel Mare… una rondine non fa primavera … il buongiorno si vede dal mattino…

Pensando a come riassumere in breve nota la Alià dall’Italia negli ultimi mesi, sono queste le prime confuse immagini che mi vengono in mente.

Ognuna di esse da’ solo una visione parziale del fenomeno, e tutte insieme descrivono succintamente un intero mondo, un marasma di sentimenti, illusioni, disillusioni e speranze che ognuno degli Olim porta con se e che rappresenta un solo tassello di un mosaico difficile da comporre, data la sua variegata composizione e la peculiarità di ognuno dei suoi elementi.
Un po` di numeri: negli ultimi 12 mesi sono arrivati in Israele piu` di 100 Olim dall’Italia, senza tenere conto di quella che possiamo definire l’Alia “fisiologica”, vale a dire quei venti venticinque ragazzi che tutti gli anni arrivano per motivi di studio o a seguito di programmi nei vari movimenti giovanili, oppure solo per un “one year program” che poi si prolunga o accorcia a seconda delle esperienze e volontà dei singoli.
Anche in questa categoria vi è stato un sostanziale aumento (circa 45 ragazzi) ma trattandosi per la maggior parte di “ancora non Olim” credo che questo dato sia sufficente, senza ulteriori approfondimenti
di analisi.
Continue reading Irgun Olei Italia sull’Aliyah italiana

UIM Israele selezionata la promozione di occasioni di lavoro e specializzazione in Israele

Il patronato Ital di Gerusalemme e la Uim Israele sono stati selezionati, con poche altre istituizioni europee analoghe, per un progetto di aiuto a giovani europei che vogliano avere esperienze lavorative in Israele o che desiderino approfondire la loro specializzazione.

Continue reading UIM Israele selezionata la promozione di occasioni di lavoro e specializzazione in Israele

Studiare Torah mentre si è in vacanza in Israele

Compagni di studio
Compagni di studio

Tutti noi, quando pianifichiamo una vacanza, ci preoccupiamo di tutti i minimi dettagli: l’alloggio, la macchina, l’assistenza sanitaria…
Gli ebrei, però, avrebbero una cosa in più di cui preoccuparsi rispetto a tutti gli altri: non interrompere lo studio della Torah. Non tutti studiano girnalmente la torah, ma un viaggio in Israele dovrebbe essere una buona occasione per iniziare questa pratica che, tra l’altro, aiuta moltissimo nella vita quotidiana.

Se studiare a casa propria è relativamente facile, lo è molto meno quando ci si trova in vacanza. Da qualche tempo, in Israele, opera un’organizzazione che ha come scopo quello di trovare compagni di studio ai turisti.

Learning Torah on Vacation trova i compagni di studio e coordina gli incontri.

Studiare in Israele – Borse di studio Raffaele Cantoni 2011

La Fondazione per la Gioventù Ebraica “Raffaele Cantoni” e l` U.C.E.I hanno deciso di distribuire per l’anno accademico 2011-2012 alcune borse di studio di N.I.S. 4.000 ognuna a studenti provenienti dall’Italia.

Tali borse di studio verranno conferite a giudizio insindacabile del Comitato Direttivo della Fondazione in Israele e dell’ U.CE.I e verranno consegnate a Gerusalemme.
Continue reading Studiare in Israele – Borse di studio Raffaele Cantoni 2011

PATHWAYS, scoprire Israele camminando

Tra i vari programmi sostenuti da MASA, questa è davvero interessante. Programmi di 5 o 10 mesi per fare volontariato in Israele mentre lo si scopre seguendo l’Israel Pathway, il percorso di Hiking che attraversa da nord a sud tutto il paese. Aperto a chiunque offre una borsa di $3000 per il programma breve e di $4500 per quello di 10 mesi.

Il programma prevedere attività accademiche, volontariato e puro divertimento. La borsa copre però solo una parte dei costi, che non sono proprio minimi.

Maggiori informazioni su http://www.israelpathways.com/

GoEco: Volontariato Ecologico in Israele

Ieri ho scritto di Sar-EL, oggi invece vi propongo GoEco, un gruppo che propone attività di volontariato in Israele con obiettivi di difesa della natura. La varietà di proposte è molto ampia ed i costi sono, tutto sommato, contenuti.

Si passa dalla divesa di ambienti in pericolo nel deserto della Arava Valley, allo sviluppo del turismo ecologico a Nazareth, la realizzazione di un villaggio eco-sostenibile sempre nell’Arava, la protezione della bariera corallina al largo di Eilat e quant’altro.

I costi si aggirano tra i 400 ed i 500 dollari e la durata dei campi è di 4-12 settimane.

Il primo lavoro in Israele

UPDATE: Questo post e’ dedicato a chi e’ di religione ebraica o si sta convertendo. Chi non fosse ebreo e’ pregato di leggere questo post

Uno dei primi ostacoli che ci si trova ad affrontare dopo l’aliyah è trovare un lavoro. Se, come è probabile, si è arrivati in Israele senza conoscere l’ebraico, al termine dell’Ulpan non si sarà comunque in grado di lavorare in ebraico. Il nostro ebraico sarà sicuramente sufficiente per cavarsela nella vita di tutti i giorni, ma intrattenere discussioni su temi lavorativi sarebbe davvero complicato.
Siamo però abbastanza fortunati. Gli italiani sono molto ricercati. Infatti moltissime aziende in Israele hanno rapporti commerciali con l’Italia e cercano, per questo, madrelingua italiani. Ovviamente, se non si parla in ebraico, è necessario cavarsela almeno in inglese. Il fatto di essere più o meno giovani, invece, ha poca importanza a patto di non aver problemi se il proprio capo sarà più giovane di voi anche di molto.

Quali sono i settori più attivi in questo tipo di mercato del lavoro. Sicuramente il mondo dei casino on line che in Israele hanno i loro centri di ricerca e di marketing, le aziende che operano nel mondo del trading, dal classico trading di azioni a quello delle valute estere. In questi settori si ricercano prevalentemente SEO, Traduttori e addetti dei Customer Care. Sono settori nei quali si può guadagnare piuttosto bene.
Una veloce ricerca sui vari motori di ricerca usando Italian come keyword potrà svelare la dinamica realtà del lavoro in italiano.

Ultimamente un settore molto attivo per gli italiani è quello delle guide turistiche e delle agenzie di viaggio. Da quando alcuni operatori del settore croceristico hanno iniziato a far tappa per visitare Gerusalemme, orde di turisti italiani (anche 4000 a volta) si riversano in 24 ore nella città santa. Anche se per fare le guide è necessaria l’abilitazione, in questi casi è molto ricercata la figura del trduttore che possa tradurre in italiano dal inglese o dal ebraico.
UPDATE: Anche se il settore e’ sempre interessato a personale di lingua italiana, vorrei sottolineare che oltre all’ ottimo inglese sarebbe consigliabile una conoscenza dell’ebraico gia’ buona e, sicuramente, una preparazione sulla storia antica e moderna di Gerusalemme. Mi e’ stato segnalato che parecchie persone che si sono presentate per questo tipo di lavoro sono state scartate perche’ completamente impreparate o per doti linguistiche non sufficienti/

Sempre molto attive nell’assunzione di italiani, sono i call center specializzati nel medicale e nel salutistico. Da evitare, invece quelli legati alle Green Card che spesso si presentano come truffe più o meno grandi e dove il ritmo di lavoro e lo stress non sono compensati da stipendi adeguati.

Spesso questi lavori si svolgono in turni, quindi sono adatti anche a studenti o nuovi immigrati che ancora frequentano l’ulpan.