Si può guidare in Italia con la patente israeliana?

E’ una delle domande poste più di frequente nei gruppi di italiani in Israele. E la risposta è varia, chi dice che non occorre andare al memsi per fare la patente internazionale, chi dice che le compagnie di autonoleggio non danno la macchina in assenza della patente internazionale. Non c’è chiarezza. fino ad ora.

Cercando informazioni su come convertire la patente israeliana in patente italiana, su cui scriverò più avanti, mi sono imbattuto in una circolare del Ministero degli Interni che chiarisce in maniera definitiva la questione.

La circolare dice ESPLICITAMENTE che non è necessario accompagnare la patente israeliana con il modulo di patente internazionale. E’ sufficiente la tessera.

Circolare del Ministero degli Interni n. 300/AJ/2591/14/111/84/1 del 07/04/2014

Questo non esclude che, visto il costo minimo, sia comunque una buona idea procurarsi la patente internazionale nell’eventualità che si preveda o solo ci sia il rischio di dover guidare al di fuori dei confini dello stato italiano.

E’ ugualmente una buona idea, stamparsi la circolare e portarsela appresso, giusto in caso qualche funzionario delle forze dell’ordine dovesse non esserne al corrente.

2014_crc. 2591_07_04_2014

Posted in Domande frequenti, Israeliani in Italia, Patente di guida | Tagged , , , , | Leave a comment

La patente israeliana, come ottenerla con o senza esami

Ottenere la patente di guida in Israele è sempre stato lo spauracchio dei nuovi immigrati. L’idea di dover sostenere gli esami di guida in ebraico non è certo eccitante agli occhi di chi deve imparare una lingua da zero.

Fino ad agosto del 2017 per gli Olim esisteva un unico percorso “preferenziale” rispetto ai cittadini israeliani per nascita: entro i 3 anni dall’aliyah è possibile ottenere la patente di guida israeliana sostenendo il solo esame di guida pratica dopo aver fatto almeno due guide con l’istruttore.

Da qualche anno, solo per i cittadini italiani, è possibile convertire la patente senza sostenere neppure l’esame pratico. Questa facilitazione viene però offerta in cambio della rinuncia alla patente italiana che viene ritirata dagli uffici della motorizzazione israeliana.

Dal agosto 2017 a queste due possibilità se n’è aggiunta una terza valida per chi abbia fatto aliyah da meno di 3 anni e che possieda una patente straniera da almeno 5 anni. In questo caso non occorre sostenere alcun esame, neppure medico, ed è possibile ottenere la patente israeliana immediatamente.

Ci sono alcune condizioni per ognuna di queste possibilità. La prima è legata all’anzianità di aliyah, la seconda dall’anzianità della patente. Definiamo quindi le possibilità:

  • chi ha la patente da più di 5 anni ed è immigrato da meno di 3 anni può convertire la patente in automatico senza sostenere esami e senza perdere la patente
  • chi la la patente da meno di 5 anni ma è immigrato da meno di 3 anni ha due possibilità:
    • convertire la patente sostenendo l’esame di pratica e mantenendo la patente italiana
    • convertire la patente senza sostenere l’esame di pratica ma rinunciano alla patente italiana
  • chi è immigrato da più di 3 anni ma meno di 5, può convertire la patente senza sostenere alcun esame ma rinunciando alla patente italiana
  • chi è immigrato da oltre 3 anni non ha altra scelta che fare tutta la trafila di 30 guide, esame di teoria ed esame di pratica come qualsiasi cittadino nato in Israele.

In tutti i casi è necessario farsi rilasciare il Tofes Yarok presso uno dei negozi di ottica abilitati. Se si ricade nella prima casistica il Tofes Yarok dovrà solo riportare la foto e non sarà necessario sottoporsi alla visita oculistica e neppure a quella del medico di famiglia.
Se invece si ricade in una delle altre casistiche sarà necessario anche sottoporti alla visita oculistica presso l’ottico stesso e poi recarsi dal proprio medico di famiglia che certificherà la buona salute.

Chi possa avvalersi della prima modalità di conversione (no esami, no rinuncia) dovrà recarsi agli uffici del Misrad HaRishui (motorizzazione) portando con se la patente italiana, la teudat zehut, la teudat oleh ed il tofes yarok. L’impiegato verificherà le date di immigrazione e di emissione della patente italiana e provvederà ad inserire tutti i dati nel sistema. Verrà rilasciato una patente temporanea che sarà valida solo dal momento in cui ci sarà recati a pagare la cifra indicata.

Nel caso ci si voglia avvalere della procedura di conversione con rinuncia alla patente italiana ci si recherà al misrad harishui con la stessa documentazione (ma col tofes yarok completo di visite mediche). Come nel caso precedente, l’impiegato provvederà ad inserire tutti i dati nel sistema e dopo aver ritirato la patente italiana emetterà quella temporanea israeliana.

Solo nel caso in cui si decida di convertire la patente italiana sostenendo l’esame di guida pratica, ci si recherà presso il misrad harishui che inserirà i dati nel proprio sistema. A questo punto occorrerà accordarsi con un istruttore di guida per sostenere le 2 guide minime richieste e poi prenotare l’esame pratico. E’ consigliabile chiedere consigli ad altri olim che abbiano seguito lo stesso percorso per evitare di finire nelle mani di qualche istruttore che tenti di approfittarsi della situazione costringendo a fare più guide del necessario.

In alternativa al pagare in posta è possibile recarsi presso uno dei negozi superPharm che ospitano uno Rishuy-mat (il totem del misrad harishui) e pagare con carta di credito. Il totem provvederà a stampare immediatamente la patente temporanea.

Posted in Patente di guida | Leave a comment

Passaporto sin dall’arrivo in Israele

Oggi la Knesset ha votato una modifica alla legge sulla cittadinanza che elimina l’attesa di un anno dalla data di aliyah per poter ottenere il Passaporto.

Fino ad oggi i nuovi cittadini venivano forniti della Teudat Maavar (Lasciapassare temporaneo) che fa le funzioni di passaporto temporaneo ma è valido solo alla frontiera israeliana, obbligando, di fatto, ad avere doppia cittadinanza.

L’anno di attesa è sempre stato molto inviso agli olim che si sono sempre sentiti trattati come cittadini di serie B.

Da oggi in poi (o nell’arco di qualche giorno, tempo che il ministero degli interni si organizzi) il passaporto potrà essere emesso immediatamente il giorno stesso dell’immigrazione.

Posted in Abitare | Tagged , , , , , | Leave a comment

Esame Psicometrico in Italiano 2015

Anche quest’anno sarà possibile sostenere il test psicometrico in Italiano (sia in italia che in Israele).

ISCRIZIONI: ENTRO IL 13 OTTOBRE – DATA ESAME: 17 febbraio 2015

Iscriviti subito online su: www.israeluni.it/iscrizione

Qualora entro il 13 ott obre 2014 non si raggiungesse il numero minimo di adesioni il test in italiano verrà posti cipato alla sessione del 1 Aprile.
Sostenendo il test nella sessione di febbraio 2015, gli studenti che lo riterranno opportuno, potranno ripetere il test (in ebraico o in inglese) nella sessione estiva di Luglio.

Posted in Studiare, Università | Tagged , , , | Leave a comment

Mati – Aiuti alla nuova imprenditoria

Uno degli aiuti che lo stato offre ai nuovi immigrati – quello che secondo me è il più utile in assoluto – è il supporto alla nuova imprenditoria.
Il miglior modo per aiutare gli Olim ad inserirsi ed a non pesare sul sistema del welfare nazionale è quello di agevolare la creazione di nuove attività imprenditoriali. Un nuovo cittadino che crea lavoro porta nuove idee e nuove opportunità di crescita dell’economia.

Gli aiuti offerti sono sia consulenze e corsi gratuiti, sia aiuti economici veri e propri che possono arrivare (ad oggi) a 125mila sheqel (circa 30mila euro) offerti come prestito che può convertirti in contributo a fondo perduto.

Gli aiuti sono coordinati dall’agenzia MATI. In un primo momento un consulente incontra l’oleh e discutono l’idea di business, lo aiuta a creare il business plan, lo fa partecipare a corsi che ritiene utili per lo sviluppo dell’idea e lo segue, eventualmente facendolo incontrare con altri consulenti.

Tutte le consulenze ed i corsi offerti da Mati sono gratuiti.

Sull’area centrale di Israele (Da Netanya a Holon più o meno) uno dei consulenti è Yair Amit, parla perfettamente inglese, ed è disponibile ad incontrare nuovi olim. E’ a sua volta un imprenditore.

Consulente di Mati per la nuova imprenditoria

Posted in Lavoro | Tagged , , | Leave a comment

Vendita e Supporto in italiano a Herzliyah Pituach

Ricevo dall’ agenzia di placement per Olim Leap-now.com l’ offerta di lavoro per una persona che faccia vendita e supporto in italiano per una società di Herzliyah Pituach. L’impiego prevede il lavoro su turni (comprese notti e fine settimana). Si tratta di una posizione Junior, quindi lo stipendio non è elevatissimo (nel campo dei 7000sh/mese + commissioni). L’italiano madrelingua è fondamentale, l’inglese o l’ebraico almeno basilare necessari per il lavoro con i colleghi.

Chi pensasse di candidarsi inoltri il proprio CV a  jobs@leap-now.com e indichi come soggetto della mail: Italian Sales/Support job e magari indichi che ha letto della posizione su aliyah.it

Posted in Offerte di Lavoro | Leave a comment

L'esperimento prosegue (Parlare con la Sochnut di Gerusalemme in Italiano)

L’esperimento di giovedì scorso ha avuto successo, sono state evase ben 13 chiamate dal Italia!

Si ripete quindi il prossimo giovedì, 25 aprile 2013 tra le ore 13:00 e le ore 15:00 (ora italiana).

Il numero da chiamare (gratuito anche dall’Italia) è lo  00.800.477.235.28

Il numero sembra (ed è) un numero di telefono internazionale, ma è un numero verde internazionale, non vi costerà assolutamente nulla!

Al numero risponderà un volontario del Irgun Olei Italia, l’associazione che ha come scopo aiutare gli olim che arrivano dal Italia.

Posted in Irgun Ole Italia, Preparazione, Prima di partire | Leave a comment

Parlare con la Sochnut di Gerusalemme in Italiano

Finalmente anche a Gerusalemme ci sarà qualcuno (un volontario del Irgun Olei Italia) che risponderà in italiano a chi desidera avere informazioni generali o aggioranamenti su pratiche in corso.

Per il momento il volontario sarà disponibile 2 ore, dalle ore 11:00 alle ore 13:00 (ora di Roma) del 18 aprile 2013 al numero di telefono 00 800 477 23 528.

Il numero dovrebbe essere gratuito da tutto il mondo.

Per il momento è una sperimentazione. Se dovesse ottenere successo, l’intenzione dell’Irgun Olei Italia è di avere un volontario disponibile il più spesso possibile.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Offerte di lavoro: Sales a Gerusalemme

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente annuncio. Ricordiamo che qualsiasi richiesta di chiarimento va rivolta direttamente ai contatti indicati e che dopo qualche settimana probabilmente la posizione verrà chiusa. Può, comunqnue, valere la pena contattare ugualmente l’azienda perché queste posizioni vengono riaperte di tanto in tanto.

Anavim company are seeking a motivated, native Italian speaker, for  sales role in Jerusalem

Continue reading

Posted in Offerte di Lavoro | Comments Off on Offerte di lavoro: Sales a Gerusalemme

Incontrare l'Agenzia Ebraica

A Roma, dal 10 al 13 settembre, sarà presente una responsabile dell’Agenzia Ebraica di Gerusalemme per incontrare chiunque sia interessato a ricevere informazioni sull’aliyah. Per incontrarla occorre prenotarsi inviando una mail a arield @ jafi.org (attenzione allo spazio nell’indirizzo prima della chiocciola: va rimosso)

 

Posted in Interviste, Preparazione, Prima di partire, Studiare | 1 Comment