Integrazione dei ragazzi

Indubbiamente fare l’aliyah in età scolastica, se da un lato evita di dover affrontare tutte le ansie della ricerca del lavoro, dall’altro costringe ad affrontare le lezioni in una lingua diversa dalla propria. Questo solitamente comporta lentezza del apprendimento e talvolta senso di inadeguatezza e sconforto.
Per far fronte a questi inevitabili rischi, il sistema israeliano offre aiuti a livello scolastico ed a livello extra-scolastico.

C’ è da ricordare, comunque, che Israele è composta per la maggior parte da immigrati di prima o seconda generazione e che più o meno tutti cercano di aiutare i nuovi immigrati.

Assistenza scolastica all’integrazione

Ogni scuola costituisce al proprio interno uno staff con la responsabilità di agevolare l’integrazione degli studenti immigrati. Solitamente tengono incontri con i genitori ed i ragazzi e si occupano di facilitare la comunicazione con l’amministrazione scolastica. La consistenza e l’efficacia di questo staf è solitamente legata alla quantità di neo immigrati che la scuola è solita assorbire.

Al interno della scuola è spesso disponibile un programma di supporto psicologico (Shefi) al quale si possono rivolgere sia gli studenti che la sua famiglia. E’ nominato anche un consigliere al quale è possibile rivolgersi nel caso di problemi scolastici o comportamentali, così come in caso di problemi di bullismo o violenza generica.

Per tutti gli studenti è disponibile un telefono amico al quale è possibile rivolgersi per qualsiasi problema che riguardi i diritti, l’assorbimento, violenza, abbandono ed altre situazioni di emergenza. La linea è attiva dalla domanica al giovedì dalle 8.00 alle 16.00. I numeri da chiamare sono 1-800-222-033 (gratuito da tutta Israele) o 02-5602538 (tariffa telefonica standard). Gli operatori parlano in Ebraico, Inglese, Amarico, Russo, Spagnolo

Centri comunitari

In quasi tutte le cittadine e comunità sono presenti di Centri Comunitari (matnasim) dove vengono offerte svariate attività socio culturali per bambini ed adulti. In molti Centri sono presenti anche biblioteche e mediateche. In alcune sono presenti anche impianti sportivi come palestre e piscine. I centri cominitari di zone ad alta densità di olim spesso organizzano attività specifiche.

Esiste anche un’associazione per i giovani immigrati. L’associazione gestisce una linea telefonica destinata a ragazzi e genitori che abbiano bisogno di aiuto nel integrazione scolastica. Sono disponibili operatori che parlano in Ebraico, Inglese, Russo, Spagnolo ed Amarico. L’associazione può essere contattata al numero 08-9358203 o presso al sito web www.iaic.web4u.co.il

Movimenti giovanili

Uno dei modi miglior perché i ragazzi abbiano successo nell’integrazione è quella di partecipare ai movimenti giovanili. In questo modo si amplificano le possibilità di stabilire amicizie durature e salde. Alcune di questi movimenti, inoltre, ha un’organizzazione interna per gli l’aiuto agli olim.

Un elenco completo dei movimenti giovanili può essere trovato al sito del Organizzazione dei movimenti giovanili

I movimenti più conosciuti dagli olim italiani sono sicuramente il Bene Akiva e l’ Hashomer Hatzair, ma in Israele ne esistono molte altre. Tra le maggiori gli Scout (HaTzofim), HaNoar HaOved VeHalomed, Machanot Olim, Halhud HaChaklahi, HaNoar HaOved HaLeumi, Maccabi Tzair, Beitar ed Ezra.

Spessissimo, nelle scuole, sono presenti i rappresentanti di queste organizzazioni per presentare le loro attività agli studenti.

Associazioni scientifiche

Un altro modo per facilitare l’integrazione tra olim e stato di Israele è la partecipazione alle associazioni scientifiche che si preoccupano di proteggere l’ambiente o di promuovere lo studio delle scienze.
In questo ambito la Società per la protezione ambientale (HaHevra LeHaganat HaTeva) svolge un’attività molto interessante coniugando le attività di protezione a visite guidate nei luogi più interessanti di Israele ed a campi estivi per i ragazzi. La partecipazione a queste attività contribuisce a far conoscere ed amare l’ambiente di questo stato oltre che fornire la possibilità di conoscere ragazzi provenienti da tutto il paese (e dal estero).

Esistono, poi, una serie di attività, promosse solitamente dalle università, per la diffusione della cultura scientifica presso il pubblico più giovane. Anche in questo caso vengono organizzati campi estivi ed attività culturali durante tutto l’anno.

Altre attività

Data la varietà di enti ed organizzazioni che possono avere attività mirate all’integrazione, è una buona idea chiedere inforamzioni al ufficio del supervisore per l’assorbimento presso la sede competente del ministero del educazione, al proprio responsabile del Misrad HaKlità ed eventualmente agli uffici della propria municipalità.
Come detto in precedenza, Isarele è un paese abituato e felice di aiutare i neo immigrati. In questo uffici saranno solitamente molto felici di potervi aiutare a costruire una vita felice in Israele.

edoardo

About edoardo

Dopo essermi convertito e sposato nel 2008, ho fatto l'aliyah nel 2009. Da allora cerco di condividere le informazioni che ho riguardo l'aliyah.

2 thoughts on “Integrazione dei ragazzi

  1. Se avessi fatto la laurea triennale in economia alla bocconi, e volessi fare l’aliyah la laurea sarebbe valida in israele o no?
    grazie

  2. Si, la laurea è riconosciuta, salvo completare le pratiche di riconoscimento presso il Misrad HaChinuch (ministero dell’istruzione). Per l’abilitazione alle professioni regolate occorrerà ugualmente sostenere gli esami di abilitazione (in ebraico).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *